Storia Alternativa del Sommergibile Surcouf

Surcouf-outlines-1940.svg_ Storia Alternativa del Sommergibile Surcouf

Il Surcouf  ha una velocità massima di 34,3 km/h in superficie e 19 km/h in profondità.  L’autonomia è di 18500 km  alla velocità di 19km/h o 12500 km alla velocità di 25 km/h in superficie . In Immersione l’autonomia è di 130 km a 8,3 km/h o 110 km/h a 9,3 km/h.    L’armamento consta di due cannoni da 203 mm  ( con 14 colpi)  ,  22 siluri per  8 tubi lanciasiluri da 550 mm e 16 siluri per  4 tubi lanciasiluri da 400 mm.   L’armamento antiaereo è composto da 4 mitragliatrici da 13,2 mm e 2 cannoni da 37 mm . Il Surcouf imbarca inoltre 2 motobarche con capienza di  40 passeggeri l’uno  e l’aereo  Besson  MB.411 .

Primo Scenario

Nel 1934 un governo fascista è andato al  potere in Francia e 1940 la Francia scende in guerra a fianco dell’Asse.   In questo scenario il Surcouf viene affondato durante una incursione aerea britannica su Cherbourg.

Secondo Scenario

Il  Surcouf riesce ad oltrepassare il canale di  Panama ed a non essere scambiato per un U-Boat , ciò  che nella realtà  con tutta probabilità ne ha decretato l’affondamento ad opera del  6 gruppo Bombardieri Pesanti  (  B-17 )  di stanza a Panama .    16  marzo 1942 il  Surcouf giunge in Nuova Caledonia dove si ripete quando successo a Saint Pierre and Miquelon .  Da qui opera con 80  truppe scelte per il sabotaggio di strutture giapponesi .  Il 19 febbraio 1944 il Surcouf affonda in seguito all’urto di una mina.

Terzo Scenario

In questo scenario non c’è mai stato l’attacco a  Pearl Harbour ed il Giappone si sta confrontando con  Inghilterra  , Olanda ,  Francia  Libera ,  Australia ,  India e  Nuova Zelanda .  Il Surcouf compie azioni simili come nel secondo scenario , ma  in questo scenario , una volta  giunto in Nuova Caledonia ,  viene pesantemente attaccatto da 18  A6M2-N .  Impossibilitato ad immergersi il Surcouf riesce a riparare in Australia dove il sommergibile , pesantemente danneggiato ,  viene abbandonato in acque basse .

 

Lascia un commento